Home / articoli / Il “Sole Nero”, al centro della Terra, è in sintonia con tesi antiche e applicazioni recenti

Il “Sole Nero”, al centro della Terra, è in sintonia con tesi antiche e applicazioni recenti

Tratto dal libro IL RISVEGLIO E IL GIOCO COSMICO DELL’UOMO

C’è una peculiarità che ci distingue dagli altri mammiferi. È la postura eretta, possibile solo durante la veglia e non nello stato dormiente. Questo fatto quotidiano svela la relazione tra la coscienza umana e le verticali del pianeta che convergono al centro della Terra. Lì c’è il Cuore Cristallino che si muove in modi liberi e imprevedibili, non è oppresso dal peso degli strati superiori, né è composto solo di Ferro, come ancora ripetono molti “esperti”. Secondo studi recenti il Cuore Cristallino è composto di un carburo di ferro, è la riserva più vasta di Carbonio del pianeta, l’elemento primo della Vita! È un Diamante roteante che emette suoni, le toccanti note di un’eterna Armonia.

E se fosse la Fonte della Vita? Dentro il Cuore Cristallino, che ruota verso Est, i geofisici hanno individuato una piccola sfera – 500 km di raggio – che ruota verso Ovest e cioè in verso opposto. Nel Medio Evo i saggi parlavano del MOTORE PRIMO al centro della Terra, celebrato da Dante nel Paradiso dove gli “spiriti beati ruotano in versi opposti”. E se fossero i due orizzonti – centripeto e centrifugo – di un buco nero ruotante? Sarebbe una rivoluzione astronomica, anticipata da saggi e poeti e occultata da quella copernicana!

Comunque vortici doppi – centripeti e centrifughi – si propagano dal Cuore Cristallino fino alla superficie; possono erigere il corpo umano durante la veglia e provocare l’effetto Magnus, usato dai voli aerei e dalle navi che viaggiano senza motori né vele (Fig. 37a). I vortici doppi possono anche avere intime relazioni con la “corrente neutra debole”, il flusso di bosoni Z, il Fiume che comunica con estrema facilità con le cellule e notevole difficoltà con gli strumenti metallici. Il Sole Nero o Buco Nero al centro della Terra unisce i popoli ed elimina il bisogno dei combustibili, pure la sindrome della scarsità che tuttora divide pochi ricchi dai tanti poveri e favorisce il predominio di pochi forti su tanti deboli. Possiamo ritrovare il nostro legame diretto con il Sole Nero al centro – il Padre che genera il doppio movimento – e la Sostanza Madre che lo rigenera nei tanti moti, piccoli e grandi del “vuoto”, il fremente mare vorticoso che ci anima dentro e sentiamo come unità, comunione con il tutto.

Ti consiglio anche...

IL SIGNIFICATO UMANO

E se cercassimo il significato umano? Potremmo riconoscere la babele delle lingue, utile a coltivare …