Home / articoli / Le sorprendenti meraviglie dell’Acqua

Le sorprendenti meraviglie dell’Acqua

L’acqua è l’unica sostanza che si manifesta in tre stati (solido, liquido e aeriforme) copre il 70% della superficie del pianeta e compone il 70% della massa del nostro corpo.

Tra le meraviglie dell’acqua il suo debole per il debole
Rivelato dall’ESA un secondo campo magnetico terrestre, molto debole e generato dalle maree oceaniche.

Il secondo campo magnetico é molto debole, 2-2,5 nano tesla, all’altezza dei tre satelliti SWARM dell’ESA (European Space Agency), 20.000 volte più debole del primo campo magnetico generato dal Cuore Cristallino al centro della Terra.  L’ESA ha prodotto un video che mostra gli effetti del secondo campo magnetico sugli oceani e le sue note peculiari. (1 -Vedi su Youtube: ESA – The Earth has a second magnetic field). Il secondo campo è più debole e più celere del primo, ha relazioni con l’acqua che ci offre sorprese e abilità incredibili.
L’acqua sembra a volte sfidare le leggi fisiche, si mantiene unita nonostante la forza di gravità e la pressione di oggetti pesanti che potrebbero dividerla. La natura sociale dell’acqua è ben nota e confermata da studi recenti che hanno riconosciuto i water cluster (Fig. 16c) ovvero organizzazioni unite e coerenti di centinaia di molecole d’acqua. Nei water cluster sono evidenti varie forme geometriche tra cui icosaedri, tetraedri e dodecaedri, che Platone attribuiva ai tre elementi Acqua, Fuoco ed Etere. È solo filosofia, come dicono a scuola, o la prova sperimentale dell’esistenza dell’etere onnipresente?

Che genere d’informazione unisce e anima la Natura?
La risposta è nel suo stesso termine: ciò che in-forma, cioè forma dentro. Per gli organismi pluricellulari è il DNA, il seme tramite cui si genera e rigenera tutta la biosfera, seme legato a una Memoria genetica che comprende la nascita e la morte del singolo organismo e pure l’evoluzione delle specie, la scomparsa di quelle vecchie e la comparsa di nuove specie.
Nel 1988 Jacques Benveniste, medico e immunologo, propose l’esistenza della Memoria dell’Acqua in un articolo pubblicato su Nature, prima accettato e poi denigrato in modo aspro e violento. La memoria dell’acqua avrebbe potuto spiegare non solo l’omeopatia ma anche le tante meraviglie dell’acqua, tra cui la sua abilità a fluttuare tra due diverse fasi liquide e la sua predilezione per i campi magnetici ultra-deboli. Questi campi hanno relazioni con tutti i fluidi, anche quelli che circolano dentro gli organismi, inclusi quelli umani. La memoria dell’acqua avrebbe potuto anche svelare la natura informatica di ciò che consideriamo “unica realtà” ed è invece una delle tante matrix di cui abbiamo ignorato l’esistenza.

Goodbye Big Bang, hello white hole
La teoria del Big Bang ha vari problemi irrisolti tra cui lo stesso, misterioso Big Bang. Ora una nuova teoria. Un Universo eterno comunica con la matrix in cui siamo immersi tramite buchi neri e bianchi, porte che sono attraversate di continuo da materia e da radiazione cioè da forme e informazione.

Tra gli infiniti buchi bianchi e neri, anche i nuclei delle nostre cellule?
Da questi nuclei emerge materia nuova in forma di catene di amminoacidi che poi si ripiegano in proteine, essenziali per la nostra salute. I nuclei cellulari si comportano come buchi bianchi e potrebbero essere connessi all’istante con i buchi neri osservati in cielo e/o con universi paralleli.


L’emoglobina, la proteina presente nel sangue è connessa al respiro, al trasporto dell’ossigeno e all’eliminazione dell’anidride carbonica. Il termine “proteina” deriva dal greco proteios che significa protagonista; è idoneo per le proteine che, dopo l’acqua, sono le componenti primarie delle cellule.
Il ripiegamento delle proteine è già
codificato nelle lunghe catene di amino-acidi che emergono dai nuclei delle cellule. Ciò svela la natura informatica dei processi vitali, cioè l’abilità a codificare e a generare forme. È evidente l’Intelligenza Organica che connette forme e funzioni, geometria e musica, diceva Pitagora, millenni fa.

Ti consiglio anche...

Verso un nuovo sapore della vita

Il premio Nobel 2020 per la fisica è stato assegnato a tre ricercatori (Sir Roger …