Home / Appuntamenti / Roma, 10 marzo 2018 – Apocalisse: alba del Vero Sole

Roma, 10 marzo 2018 – Apocalisse: alba del Vero Sole

Sabato 10 marzo 2018  – ore 10-13, 14:30-18

ROMA – Università Seraphicum – Via del Serafico 1, Bonaventura Sala semicircolare  


Seminario condotto da:
Giuliana Conforto e Mara Macrì (Presidente Acta Populi) 

Presenta
Simone Pasquali (Vice Presidente Acta Populi)

 

APOCALISSE, ALBA DEL VERO SOLE 

Testo profetico o rivelazione di un futuro già esistente?

Per millenni gli uomini si sono interrogati sullo scopo della loro esistenza. “Chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo?” Ora si scopre che la domanda è sbagliata, il problema non è “dove” ma “quando”. La “conoscenza” ci lega a un “unico” tempo e al solo passato: prima l’evoluzione cosmica, poi quella biologica e, infine, il vincolo globale al debito mondiale.

Tale “conoscenza” si limita alla piccola porzione osservata – il 5% della massa universale, secondo i calcoli attuali – ignora l’immane energia del 95% restante, forse… il futuro.

Per maggiori informazioni vedi l’intervista di Mara Macri a Giuliana Conforto:

Il Web Cosmico e l’alba del vero Sole

 

Per chi vuole partecipare al seminario

Quota di partecipazione: € 75

Modalità d’iscrizione

L’iscrizione, obbligatoria, va effettuata entro il 1 marzo 2018 con bonifico:
conto Postepay Evolution
IBAN IT47P0760105138279308779310 oppure tramite il sito www.actapopuliinternational.net  

L’iscrizione sì intenderà regolarizzata con una mail di conferma della ricevuta di pagamento scrivendo a info@actapopuliinternational.net

 

Evento formativo accreditato

Per gli iscritti all’Università il seminario ha una validità di 7 crediti formativi tramite certificazione Acta Populi – Istituto di Comunicazione Ricerca e Giornalismo.

 

© COPYRIGHT ASSOCIAZIONE CULTURALE  ACTA POPULI
1995 – 2018.-
C.F./P.I. 08690841005  ALL RIGHTS RESERVED

 

Ti consiglio anche...

Montegrotto 2/12/2017 – IL RISVEGLIO DELLA COSCIENZA

La visione umana è legata alla luce elettromagnetica, la grande illusione. Ora c'è la sensazione di un collasso imminente...